Spedizione gratuita da 39 € valore di acquisto

La protezione delle vie respiratorie è una forma di solidarietà e protezione contro le infezioni per la società

Da quando in Germania è stata introdotta una maschera generale per lo shopping e il trasporto pubblico, la discussione sull'importanza delle maschere respiratorie è stata riaccesa. Le maschere autoprodotte vengono talvolta vendute a prezzi orrendi, le maschere mediche scarseggiano e le informazioni errate circolano in grandi quantità online e offline. La paura di Covid 19 è grande, perché molte informazioni affidabili sul virus e sui gruppi a rischio non sono ancora disponibili. Ma come fa una maschera respiratoria a proteggere chi lo indossa e l'ambiente circostante dalle infezioni? Quali tipi di maschere ci sono e in che modo differiscono? E in che modo è probabile che l'uso di maschere influenzi lo sviluppo di questa pandemia? Ordiniamo fatti e falsi per te.

È efficace solo la protezione medica

È vero che è efficace solo la protezione medica per bocca e naso correttamente indossata. Per confermare l'efficacia di tale protezione bocca-naso, i produttori lavorano in determinate condizioni e utilizzano speciali tessuti non tessuti che possono bloccare batteri e virus. Questa misura è particolarmente importante per le maschere FFP2 e FFP3 utilizzate in terapia intensiva, al fine di mantenere basso il rischio di infezione per il personale medico. Recentemente, tuttavia, è stato riscontrato un aumento del commercio di prodotti contraffatti e i politici concordano sul fatto che le maschere delle classi FFP2 e FFP3 dovrebbero essere riservate al personale degli ospedali, degli studi medici e delle case di riposo. La protezione chirurgica, che è attualmente indossata da molte persone, protegge principalmente la persona opposta dall'infezione, ma non chi la indossa per la protezione respiratoria.

Ha senso indossare una maschera del genere nella vita di tutti i giorni? Si lo è! Quando starnutisci e tossisci, le goccioline e i virus e i batteri che contengono vengono gettate nell'ambiente ad alta velocità. Le goccioline volano fino a un metro e mezzo attorno alla persona. Se ci sono persone, come è facilmente il caso in molti luoghi pubblici, il virus può diffondersi alle mucose di altre persone attraverso un'infezione da striscio. Questo accade quando una persona si tocca in faccia. Gli esperti sospettano inoltre che il virus della corona possa diffondersi nell'aria in una specie di nuvola in spazi chiusi in modo tale da poter essere inalato da altre persone e può essere contagioso. Con una semplice protezione chirurgica, le particelle grossolane, ovvero le goccioline che una persona tossisce o starnutisce, vengono fermate. La diffusione del virus è quindi rallentata. In combinazione con la distanza minima da altre persone nello spazio pubblico raccomandata dal governo e dal Robert Koch Institute, ciò si traduce in un alto livello di protezione per il pubblico in generale. Quindi, se indossi una tale protezione chirurgica, proteggi tutte le persone nella tua zona dall'infezione se dovresti essere colpito da solo. A causa del lungo periodo di incubazione del virus corona e dei corsi a volte estremamente lievi, quasi privi di sintomi, puoi già essere infettivo senza sentirti male.

Ma è anche vero che il rischio di infezione per tutti è drasticamente ridotto solo se tutte le persone partecipano e indossano protezioni respiratorie. Tu stesso non sei protetto dalle infezioni se indossi una semplice protezione respiratoria. Quindi contiamo su altre persone per proteggerci per rispetto e solidarietà.

Le maschere di sicurezza FFP2 e FFP3 sono state utilizzate con successo nelle epidemie precedenti, come la recente epidemia di Ebola. Proteggono il personale medico che deve lavorare a diretto contatto con pazienti malati dall'infezione.

Quali tipi di maschere ci sono e quali sono utili per chi?

Oltre alla protezione bocca-naso che i medici indossano durante le operazioni per proteggere il paziente dalle infezioni, ci sono FFP1, FFP2, FFP3 e le maschere KN95 meno conosciute. Le maschere FFP filtrano l'aria che respiriamo attraverso il materiale della maschera e quindi selezionano le particelle. La classe viene determinata in base alla frazione filtrata e alla dimensione minima delle particelle o degli aerosol filtrati. Una maschera secondo lo standard KN95 corrisponde approssimativamente a una maschera FFP2, proteggendo così chi lo indossa da infezioni da virus. Le diverse denominazioni risalgono solo agli standard specifici del paese.

Le persone che lavorano nel campo medico o infermieristico necessitano di una maschera con un livello di filtro più elevato, ad es. B. KN95, perché sono esposti a un aumentato rischio di infezione. Anche i pazienti a rischio traggono beneficio da un tale respiratore. A causa del materiale particolarmente denso che previene anche i virus, la respirazione è molto difficile per lunghi periodi di tempo. Queste maschere non sono molto comode per l'uso quotidiano. Le maschere FFP non sono quasi disponibili al momento. Sembra migliore con le maschere KN95. Tuttavia, i prezzi sono aumentati in modo significativo da quando la pandemia ha aumentato la domanda. Un semplice respiratore che può essere indossato durante lo shopping o in altre aree pubbliche è sufficiente per tutte le persone che non fanno parte dei gruppi a rischio.


Come deve essere indossata e trattata la maschera per essere efficace?

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla corretta vestibilità e manipolazione della maschera. A causa delle proprietà filtranti della maschera, virus e batteri infettivi si attaccano alla maschera. Una volta indossata, la maschera dovrebbe da un lato sigillare ermeticamente, in modo che l'aria respirabile sia effettivamente filtrata attraverso la maschera invece di essere diretta oltre. Altrimenti, anche l'alto livello del filtro non è di alcuna utilità. Inoltre, chi lo indossa non deve toccare la maschera in seguito in modo che i patogeni non siano sulle mani e successivamente, ad es. B. dopo aver rimosso la maschera da trasportare sul viso. Le maschere idratate devono essere sostituite perché contengono un grande serbatoio di germi che si accumulano in essi attraverso frequenti inspirazioni ed espirazioni. In questo caso, il risparmio di materiale è controproducente. Anche la disinfezione di una maschera nel microonde non ha senso. Le microonde riscaldano il materiale solo in modo non uniforme e il calore generato dipende dal tipo di materiale. È quindi difficile verificare se la maschera è diventata calda ad almeno 70 ° C in tutte le aree del forno a microonde ed è quindi nuovamente sterile. La disinfezione in forno a 70 ° C è più sicura. Inoltre, dopo aver toccato la maschera usurata, dovresti assolutamente disinfettare le mani o lavarle accuratamente con sapone, in modo da non portare i germi raccolti dalla maschera sulle mani sul viso o sulla maschera disinfettata.

Le maschere di cotone vengono attualmente cucite e vendute ovunque. Tuttavia, i tessuti di cotone non possono sostituire la protezione respiratoria medica e neppure una mezza maschera filtrante. I virus sono nel range dei nanometri, cioè un milionesimo di millimetro. Tuttavia, gli spazi nei tessuti per abbigliamento disponibili in commercio sono molto più ampi. Pertanto, le maschere di cotone auto-cucite non sono consigliate per l'uso in ospedali, studi medici o in infermieristica. L'uso di filtri dai sacchetti di aspirapolvere nelle maschere auto-cucite comporta anche il rischio che le sostanze respiratorie presenti nel vello del sacco vengano inalate e danneggino il corpo. Avvertiamo espressamente l'uso di sacchetti per aspirapolvere. Al fine di proteggere il grande pubblico, in caso di dubbio si consiglia una maschera operativa. Realizzare maschere da soli o realizzarle con materiali domestici è un atto nato per necessità che ci culla in una falsa sicurezza. Tali maschere non proteggono dalle infezioni, ma raccolgono germi che possono essere presenti nell'aerosol della nostra aria respirabile. Se l'igiene o la manipolazione sono errate, i germi si diffonderanno inutilmente. Inoltre, le persone che si sentono al sicuro con una maschera auto-cucita tendono a non mantenere più la distanza minima raccomandata da altre persone. I medici concordano sul fatto che, soprattutto, la distanza che manteniamo dalle altre persone riduce drasticamente la diffusione dei virus.

Inoltre, il commercio professionale offre anche maschere riutilizzabili in cotone. Queste maschere sono costituite da una super fibra appositamente trattata che ha un effetto antibatterico e rallenta anche i virus. Le maschere possono essere disinfettate lavandole nel programma di cottura. Tuttavia, lo stesso vale anche qui: la corretta manipolazione del materiale riutilizzabile è cruciale per la sua efficacia. Dopo aver indossato, la maschera deve essere messa in lavanderia senza toccare l'esterno, se possibile. Queste maschere sono anche una protezione efficace e possono essere utilizzate sia per i normali consumatori che per il personale medico o infermieristico. Il vantaggio qui è che le risorse utilizzate sono conservate.

La diffusione di Covid 19, ovvero la malattia causata dal nuovo virus corona, può essere significativamente ridotta indossando una maschera in pubblico. Inoltre, per quanto possibile, dobbiamo mantenere la distanza minima dalle altre persone. Ora è importante per la società adottare queste nuove abitudini per proteggere la vita umana e consentire al sistema sanitario di prendersi adeguatamente cura dei pazienti bisognosi di cure.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere rilasciati prima della pubblicazione

prodotti certificati
Consegna in 2 giorni
Supporto 24 / 7
altissima soddisfazione del cliente
x